La premiazione è avvenuta il 5 dicembre 2019

 

TROPEA – Più di 300 alunni provenienti dalle scuole della provincia hanno partecipato all’evento conclusivo del concorso “Sui passi di don Mottola”, ideato per rendere omaggio ad un grande tropeano come il beato don Francesco Mottola.

Il concorso ha preso il via già dallo scorso anno scolastico, muovendo i suoi primi “passi”, con l’intento di far conoscere e riscoprire, soprattutto ai più piccoli, la vita e le opere di questo santo sacerdote calabrese. E’ stato un concorso a premi voluto per raccontare una storia a fumetti, un percorso educativo riservato agli alunni di scuola Primaria e di scuola Secondaria di 1° grado degli Istituti Comprensivi della Provincia di Vibo Valentia, ai gruppi parrocchiali e associazioni.

Organizzato dalla Fondazione “Casa della Carità” in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale “Don Francesco Mottola” e l’Azione Cattolica della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, il concorso è stato collegato alle iniziative indette in occasione dell’Anno giubilare Mottoliano.

L’appuntamento è iniziato a palazzo Santa Chiara con l’esposizione di tutti gli elaborati inviati.

A valutarli, è stata una giuria presieduta dalla dirigente scolastica Giuseppina Prostamo, e composta da don Francesco Sicari, in rappresentanza della Fondazione “Casa della Carità”, Paolo Giannini, presidente dell’Azione Cattolica diocesana, la dott.ssa Beatrice Lento presidente dell’associazione S.o.s Korai, dalla professoressa di Storia dell’Arte Annamaria Miceli e dal il fotografo e giornalista Saverio Caracciolo. Essa, quindi, ha deliberato le opere meritevoli di particolare menzione, riconoscendo a tutti gli elaborati pervenuti uguale valore d’impegno, di ricerca, di studio, di approfondimento tematico.

I lavori fumettistici sono stati suddivisi per la valutazione in tre categorie: Young (elaborati di Prime, seconde e terze classi di scuola Superiore di I grado), premio vinto dalla scuola media di Limbadi guidata dalla dirigente Marisa Piro presente alla cerimonia; Children (quarte e quinte  scuole Primarie), riconoscimento ottenuto dalla classe VA della scuola Primaria di Tropea e Kids (prime, seconde e terze classi di scuola primaria) assegnato alla I C sempre della scuola primaria di Tropea.

Un ulteriore riconoscimento è stato assegnato dalla giuria, per l’originalità dei contenuti, all’elaborato inviato dalle classi II della scuola media di Tropea.

La premiazione è avvenuta nella concattedrale di Tropea dopo un breve momento di preghiera presieduto da don Sergio Meligrana e i saluti del vicesindaco Roberto Scalfari che ha rimarcato la vicinanza dell’Amministrazione Comunale agli eventi organizzati in ricordo di don Mottola.

Don Francesco Sicari ha ricordato il legame del Beato Mottola con i bambini che ha sempre avuto a cuore con particolare cura ed attenzione per quelli più bisognosi e malati.

E’ stata pertanto una mattinata di festa gioiosa, sia per gli oblati del sacro Cuore, che per la scuola, per tutta la cittadina di Tropea che molto presto vedrà salire agli onori degli altari uno dei suoi compaesani più amati.

Vittoria Saccà

fonte: Il Quotidiano del sud

 

 

Il 29 giugno 2019

 

TROPEA – Si svolgerà sabato 29 giugno la trentesima edizione del Premio dedicato a don Francesco Mottola, organizzato dall’omonima Fondazione presieduta da Paolo Martino.

L’evento, che si svolge da sempre il 29 giugno, in concomitanza con l’anniversario della morte del santo sacerdote tropeano, quest’anno assume maggiore rilevanza perché si inserisce nell’ambito dell’anno giubilare, indetto dal vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea monsignor Luigi Renzo, nel cinquantesimo della sua morte.

Tante le iniziative che sono state realizzate ad oggi e ancora tante ve ne sono in programma.

Il Premio, che gode della collaborazione dell’Amministrazione comunale, omaggia, secondo il suo regolamento, “singole persone, enti e associazioni che si siano particolarmente distinti nell’attività di carità, formazione umana, culturale, sociale e civile con spirito di servizio e nell’ottica della promozione dei diritti e della dignità della persona”.  Premia inoltre una tesi di dottorato o di laurea discussa negli ultimi cinque anni in una Università italiana o estera sull’opera del Venerabile Don Mottola oppure sulla storia della Chiesa calabrese.

A valutare le proposte giunte, è stata una Giuria composta da Vittoria Saccà, quale presidente, Don Francesco Sicari, Ernesto Lamanna, Antonino Crea, Marina Santacroce, Luciano Meligrana, Franco Stivala, nonché il sindaco della città, Giovanni Macrì.

Sono stati scelti tra le tante proposte giunte, il Coro Polifonico don Giosuè Macrì e la tesi di Don Giovanni Giordano.

La cerimonia di premiazione avverrà sabato 29 giugno, presso il Centro Culturale di via Barone, con inizio alle ore 16,00.

Dopo i saluti di rito, tra cui quelli del sindaco Macrì e del parroco don Ignazio Toraldo di Francia, interverranno Don Sergio Meligrana, parroco di S. Pietro Apostolo in Drapia e presidente della Fondazione della Carità, che parlerà de «Il 50esimo: Il senso di una celebrazione». Seguirà il presidente della fondazione don Mottola, Paolo Martino, che si soffermerà su “La Fondazione e il significato del Premio». A seguire, vi sarà l’intervento di Antonella Marincola, direttrice del Villaggio don Mottola e vice presidente della Fondazione don Mottola che affronterà l’argomento «Tra i progetti di don Mottola, il Villaggio».

Sarà poi la volta di Vittoria Saccà, presidente del Comitato Premio, che annuncerà «I Premiati della trentesima edizione del Premio don Mottola».

Paolo Ceraso, presidente del Coro polifonico don Giosuè Macrì, si soffermerà su «Il Coro e lo sguardo innamorato rivolto all’Aquila che raggiunse il sole».  Liliana Vita, Oblata del Sacro Cuore, invece, parlerà de «La Tesi su don Mottola di Giovanni Giordano»

Le riflessioni conclusive a cura di mons. Luigi Renzo, vescovo della diocesi Mileto- Nicotera – Tropea, concluderanno questo prima parte della giornata. Si continuerà presso la concattedrale, dove alle ore 19.00 vi sarà una solenne Celebrazione Eucaristica presieduta da mons.  Renzo, quindi il Giubileo Sacerdotale.

Vittoria Saccà

fonte: Il Quotidiano del sud